L'indiEsponente

pillole di musica indie


Chiedi pure  

Sono passati ben quattro anni dal loro ultimo (non entusiasmante) lavoro in studio per una delle band di culto della prima ondata indie alle porte degli anni duemila. Loro sono gli INTERPOL ed il 9 settembre uscirà El Pintor (anagramma del nome della band e “pittore” in spagnolo) quinto album per il trio newyorchese che è stato anticipato dal brano d’apertura All the rage back homeche sembra tornare alle atmosfere new wave e dark dei primi album. Il video è stato diretto dallo stesso leader Paul Banks insieme a Sophia Peer e lo vediamo per la prima volta cimentarsi col basso.

Gli ANTLERS vengono da Brooklyn, dal cuore sonoro della Grande Mela ed hanno appena dato alle stampe il loro ultimo lavoro Familiarsil quinto in studio, ma terzo di una trilogia di capolavori che annovera Hospice (2009) uno degli album contemporanei più toccanti e intensi, che narrava in musica il dolore del frontman Peter Siberman al capezzale della sua ex malata terminale, e proseguito con Bust Apart (2011) in cui si metteva a nudo scavando nella propria disperazione.

L’album in questione dato alla luce che uscirà il 16 giugno, si apre con la bellezza accecante contenuta in Palacescelta anche come singolo, che racconta di una coppia che ha una connessione speciale sin da piccoli, in cui s’inserisce successivamente un terzo elemento che seppellisce il loro amore (He left the tallest peak of your paradise/ Buried in the bottom of a canyon in hell) ma dentro il loro “palazzo” del titolo, non necessariamente un luogo fisico, piuttosto un posto nei loro cuori o nella mente, nulla e nessuno può spezzare il loro legame, un rapporto che non ha bisogno di ostentazioni e null’altro per poter essere considerato reale.

Dalle pagine di questo blog qualche anno fa consigliai QUI l’ascolto di un giovane gruppo che si era autoprodotto un Ep e si affacciavano per la prima volta nel marasma del panorama musicale indipendente nostrano.
Loro sono I GIORNI DELL’ASSENZIO, power trio frentano (di Tollo per i puristi della geolocalizzazione) che nel frattempo è cresciuto e maturato, ha firmato un contratto con l’ambiziosa label Ridens Records con la produzione artistica di Paolo Paolucci- e partorito un album d’esordio Immacolata Solitudine che uscirà a giugno e sono certo farà parlare di sé e desterà dal torpore qualche detrattore del rock italico troppo assuefatto dalla sbornia delle nuove leve del cantautorato tricolore.

Qui c’è la rabbia post-adolescenziale, il grunge e l’hard rock che si fondono in un amplesso lussurioso con la melodia dando nuova linfa ad una soluzione sonora troppo presto data per morta e accantonata.
Il primo omonimo singolo Immacolata Solitudine ne giustifica le velleità e ribadisce il concetto espresso con una canzone che contiene in sé il germe di un sound che contagerà molti, il cui video è diretto dal talentuoso videomaker Francesco Di Nardo, chitarrista dei Voina Hen. 

Avevo già parlato di lei QUI SHARON VAN ETTEN, cantautrice del New Jersey che con il suo album precedente lo splendido Tramp aveva conquistato i favori di tanti appassionati ascoltatori in tutto il globo. 
Ora a due anni di distanza, il 26 maggio per l’esattezza, uscirà il nuovo atteso lavoro della folk singer americana intitolato Are you there sempre per l’etichetta di culto Jagjaguwar in cui si distanzia dalla matrice folk per indagare strade musicali più affini alla tradizione rock e blues a stelle e strisce, come si evince dal primo singolo estratto Taking Chancesuna ballad delicata dall’incedere lento, ipnotico e inesorabile. Il video è diretto dal videomaker Michael Palmieri ed è ispirato al film Cleò from 5 to 7 della regista francese Agnès Varda esponente della Nouvelle Vague.

Le strane leggi del mercato musicale hanno fatto sì che il remix di un brano I Follow Riversia divenuto improvvisamente un tormentone e abbia fatto conoscere anche al grande pubblico italiano il nome della cantautrice svedese LYKKE LI.
A tre anni da quel pezzo, la singer nordica torna con un nuovo album I never learn che ricalibra sul versante intimo e dalle tinte più folk la sua musica, scrollandosi di dosso le esuberanze pop dei lavori precedenti candidandosi di diritto come uno dei migliori album dell’anno.

Il primo singolo è la piccola e meravigliosa ballata Love me like I’m not made of stone vulnerabilmente acustica. Uno struggente e doloroso canto o preghiera, sulla necessità dell’essere amati, nonostante tutto.

Abbandonarsi al fluire delle cose..

(Fonte: Spotify)

Si chiama DEATH VESSEL è nonostante il nome evochi qualche gruppo metal nordico è in realtà il progetto folk solista di Joel Thibodeau, nato a Berlino ma cresciuto nel Maine, aspetto da nativo americano e una voce angelica ed eterea quasi femminile.

Per il suo terzo disco Island Intervals targato Sub Pop Records è andato a registrare in Islanda con la partecipazione di gruppi locale e di Jonsi dei Sigur Ros con il quale recentemente è stato anche in tour. Il singolo Mercury Dimeesalta le doti vocali da soprano di Joel in una garbata sinfonia pop dalle armonie rilassanti immersa completamente nella distese della Iceland musicale e geografica.

Si chiamano ELEPHANT, sono un duo londinese composto da Amelia Rivas (vocal, keybords) e Christian Pinchbeck (guitar, computers) e definiscono la loro musica “Nocturnal Lo-Fi Bedroom Dreamy Beach Pop” . 

Dopo un paio di singoli usciti lo scorso anno che ha attirato l’hype necessario nei loro confronti ora esordiscono con il primo album in studio Sky Swimming Una musica che è il risultato di “notti prolungate di creazione febbrile”, durante le quali “le idee sono state assemblate e sezionate” e le canzoni “registrate e respinte”.

Questo è il primo singolo Skyscraper splendida ballata dreamy le cui atmosfere soul-pop la rendono elegante e dal sapore retrò. Una delle cose migliori di questo 2014 da ascoltare e custodire nel proprio scrigno musicale.

Se attendevate una band italica dal mood scanzonato e un po’ cazzone, sincera e dal beat irresistibile ecco a voi I MISSILI, collettivo sonoro abruzzese che conferma il ricco humus musicale fiorito da qualche tempo a questa parte nella zona frentana nello specifico.
In attesa dell’album d’esordio Le Vitamine in uscita il 12 maggio per la V4V-Records è stato rilasciato il video del singolo A Bastonate (diretto da Francesco Di Nardo e Nadia Marini), potenziale tormentone estivo alternativo che si conficca in testa come una lama da macellaio aromatizzata al limone.

Loro si chiamano i THE HEAD AND THE HEART  erano un duo ed ora sono una band sotto l’ala protettiva della Sub Pop - etichetta di culto che scoprì i Nirvana giusto per dirne una - il che è garanzia di qualità. 
Il secondo album s’intitola Let’s be stillche contiene un folk americano armonico leggero e coinvolgente, ed è uscito lo scorso anno conquistando consensi un po’ ovunque, specie nella stampa specializzata.

Il nuovo singolo Another Story è una commovente ballata melodica dai tratti tipicamente folk ed è corredata da questo video stupendo diretto da Andrew Hines che strapperà i cuori gentili anche degli hipster più duri.

Dopo i rumors e tanto chiacchiericcio esce finalmente Dove vai il primo singolo di Pierpaolo Capovilla che anticipa il primo album da solista atteso per quest’estate targato Virgin/La Tempesta.
Il frontman del Teatro degli Orrori si avvale dell’ausilio di Paki Zennaro ai testi e del fidato Giulio ‘Ragno’ Favero per gli arrangiamenti e il mixaggio.

Il brano è straniante, epurato il rock è perlopiù contraddistinto da venature pop d’autore su una base elettronica sulla quale si staglia la voce baritonale e inconfondibile del crooner e bassista di Varese alle prese coi propri demoni intimi che certamente confonderà e dividerà i suoi fan.

Me and my friend Luca Romagnoli del Management del dolore post-operatorio

Me and my friend Luca Romagnoli del Management del dolore post-operatorio

Geni o paraculo, musicisti o cazzoni, amato o odiati poco importa, di certo LO STATO SOCIALE gruppo indie bolognese sa come far parlare di sé.

Dopo l’exploit dell’esordio Turisti della democrazia la band romagnola targata Garrincha Dischi torna con un nuovo singolo C’eravamo tanto sbagliatiche anticipa l’uscita del nuovo album ancora sconosciuta così come il titolo del nuovo lavoro in studio, e schizza direttamente in prima posizione tra i singoli più scaricati su iTunes scalzando addirittura una hit internazionale come Happy di Pharrel Williams.

Il brano è un folk-pop italico in tipico stile della formazione felsinea, una sorta di j’accuse in musica alla società contemporanea e la sua fauna, loro la descrivono così: [C’eravamo tanto sbagliati] è forse la nostra canzone più importante e non vediamo l’ora che la sentiate tutti. È una canzone intensa e rabbiosa ma anche leggera, liberatoria e piena di speranza e di voglia di giocare”.
Il videoclip in stopmotion è stato realizzato da Studio Croma in collaborazione con Articolture e Frog’s Film, è stato diretto da Guglielmo Trautvetter. L’animazione è opera di Giacomo Giuriato, mentre i personaggi di plastilina sono stati ‘creati’ da Matteo Burani.

Gli inglesi BOMBAY BICYCLE CLUB fanno uscire il loro terzo singolo Feel dopo Luna e Carry Me tratto dal fortunato album So long, see you tomorrow numero 1 in classifica nel Regno Unito, un brano pop e danzereccio spalmato su un tappeto di melodie orientali.

Per omaggiare il loro nome orientale hanno girato il coloratissimo e vivacissimo video a Mumbai interpretato da attori reali di Bollywood.

Avey Tare alias David Michael Portner è il co-fondatore insieme all’altro geniaccio di Panda Bear di una delle band più influenti del decennio: gli Animal Collective. Proprio durante l’annullamento di alcune date del tour a causa di problemi alla gola nasce il suo progetto musicale alternativo con gli AVEY TARE’S SLASHER FLICKS.

Si definiscono un power jazz trio composto inoltre da Angel Deradoorian (ex Dirty Projects) e Jeremy Hyman (ex Ponytail) e danno alle stampe Enter the slasher house un concept album a tema slasher con tanto di artwork e sito interattivo horror trash.
Il primo singolo scelto è Little Fangche si avvale di virtuosismi psych pop contagiosi a ritmo di funky con tanto di coretti catchy che calzano a pennello con l’esplosione primaverile in atto. Folle, psichedelico e pop.